Arrivano i buoni

Valori o prezzi?

Di Michael Roberts. Originale pubblicato il 15 marzo 2021 su The next recession con il titolo Mark Carney: value or price? Traduzione di Enrico Sanna (sempre lui!).

Mark Carney ha pubblicato un libro. S’intitola Value(s): Building A Better World For All. Carney, nato in Canada, è l’ex governatore della Banca d’Inghilterra, il più pagato, con 680.000 sterline l’anno più 250.000 per le spese dell’alloggio. Qualche tempo fa ha detto: “Con l’amministrazione pubblica non ci si arricchisce”!

Continua a leggere

Le orecchie di Beckett

Il corpo del re

Leyla Perrone-Moisés

Un bell’omaggio alla letteratura occidentale è il libro di un altro francese, Pierre Michon, intitolato Corps du roi (Corpo del re). Questo piccolo grande libro è una celebrazione della letteratura attraverso alcuni Grandi Nomi (scritti proprio così, con la maiuscola). L’idea è semplice e brillante al tempo stesso. Michon applica ai grandi scrittori del passato l’idea medievale secondo cui il re ha due corpi, uno naturale e uno mistico:

Continua a leggere

Fine corsa

Di Robert Kurz. Originale: A desvalorização do valor. Fonte: Obeco. Traduzione di Enrico Sanna.

La svalorizzazione del valore

Il capitalismo non è altro che un’incessante “valorizzazione del valore”, che assume la forma della trasformazione fine a se stessa di denaro in più denaro. Ma in cosa consiste il valore? Secondo Marx, nel “lavoro astratto” rappresentato dalle merci, ovvero nel dispendio di “nervi, muscoli e cervello” occorrenti al processo di produzione. Ma ha valore solo quel lavoro che risponde allo standard produttivo. E questo è determinato dal mercato e dalla “muta coercizione della concorrenza” (Marx) che domina il mercato. Sul mercato mondiale, in assenza di interventi, si impone il livello di produttività più alto che è quello dei centri del capitalismo. I paesi periferici possono raggiungere questo livello, sempre che ci riescano, solo con un dispendio brutale di forza lavoro. Date queste condizioni, è possibile che il prodotto del lavoro di migliaia di lavoratori cinesi malpagati non contenga tanto valore quanto quello di un singolo lavoratore occidentale dotato di tecnologie avanzate. Pertanto, è illusorio pensare che l’impiego massiccio di manodopera a basso costo in Cina, India e altrove faccia crescere, proporzionalmente, la produzione globale di valore.

Nel corso delle tre rivoluzioni industriali, il livello della produttività è salito progressivamente per effetto della concorrenza. Quanto più è alta la produttività, però, tanto più è piccola la quantità di lavoro valido incorporata in ogni singola merce, e dunque tanto più è piccolo il valore di quest’ultima. Vediamo qui l’auto-contraddizione logica del capitalismo, che da un lato ha come fine l’accumulazione infinita di valore, mentre dall’altro lato è esso stesso a eliminare progressivamente la sostanza del valore dalle merci. Storicamente, questa contraddizione è stata compensata con l’espansione capitalista: più cala il valore di ogni singola merce, e più merci devono essere prodotte e vendute. Ma c’è un limite logico. Ad un certo punto, invadere il mondo di merci cessa di essere conveniente. Assieme alla sostanza del valore di scambio cade anche il potere d’acquisto, in quanto questo è solo un momento di quello. Nella terza rivoluzione industriale, l’equazione salta: alla disoccupazione di massa globale corrisponde la svalorizzazione interna delle merci. Con una sostanza di valore ridotta a dosi omeopatiche, le merci diventano semplici beni naturali; è solo artificialmente che possono essere fatti rientrare nella forma del prezzo in denaro.

Il denaro, in quanto “equivalente generale”, altro non è se non una merce distinta, merce suprema. La funzione del denaro in quanto “medium in cui conservare il valore” richiede, in ultima analisi, una sostanza che possieda valore intrinseco. Storicamente, erano i metalli nobili a svolgere questa funzione, perché rappresentavano “lavoro astratto” in forma estremamente condensata. Ma da quando il denaro ha preso a circolare a velocità crescente, non basta tutto l’oro del mondo per rappresentare la massa crescente di merci prodotte. Nel corso del ventesimo secolo, il denaro è stato disgiunto dalla sostanza di valore dei metalli nobili; l’ultimo legame è stato rotto nel 1973, quando anche il dollaro, valuta di riserva mondiale, è stato slegato dall’oro. Rimane la garanzia dello stato, che però è fragile. Da qui le sempre più frequenti inflazioni e le crisi monetarie e valutarie. Oggi, a garantire il dollaro c’è solo la macchina militare statunitense; dietro l’euro non c’è nulla; la maggior parte delle altre valute in qualche modo è già decaduta. La minaccia di una grande crisi monetaria mondiale non viene dalla concorrenza tra il dollaro e l’euro, ma dalla desostanzializzazione del denaro in generale. Alla svalorizzazione della forza lavoro corrisponde la svalorizzazione delle merci, che a sua volta porta alla svalorizzazione del denaro. E con questo è la relazione sociale feticista propria della modernità in generale a diventare inutile.

Caduti

Amedeo Bordiga

Siamo in un periodo storico non di avanzata ma di piatta decadenza e rinvilimento della scienza e della tecnica ufficiale, di basso ciarlatanismo nella dottrina e nella applicazione […] Di tutti gli idoli che ha conosciuto l’uomo sarà quello del progresso moderno della tecnica che cadrà dagli altari col più tremendo fragore.

Fonte: Il covile

Matematiche illusioni

Producete il doppio dei vostri genitori e guadagnate un quinto

Di Jehu. Fonte: The Real Movement.

Già altre volte ho spiegato, con l’aiuto di alcuni diagrammi, come negli Stati Uniti tra il 1964 e il 2012 la forza lavoro sia raddoppiata.

Nello stesso arco di tempo, anche le ore lavorate sono raddoppiate.

Continua a leggere

Anniversari

Il XXI secolo è iniziato nel 2020 con l’entrata in scena del Covid-19

Jérôme Baschet

Questo articolo è stato pubblicato su Sinistrainrete un anno fa.

Succede spesso che gli storici facciano cominciare il XX secolo nel 1914. Allo stesso modo, un domani ci spiegheranno che il XXI è cominciato nel 2020, con l’entrata in scena del Covid-19. Certo, il ventaglio degli scenari a venire è ancora molto ampio; ma la catena degli eventi messa in moto dalla propagazione del virus offre, come in time-lapse, un assaggio delle catastrofi a venire, destinate a intensificarsi in questo mondo sconvolto dagli effetti di un riscaldamento globale che viaggia verso 3-4°C di rialzo medio. Si profila insomma sotto i nostri occhi una connessione sempre più stretta tra gli elementi della crisi. Una crisi che un solo fattore — tanto annunciato quanto imprevisto — è stato sufficiente ad attivare.

Continua a leggere