E Gesù quale Guerra Muoverebbe?


[Di Greg Morin. Pubblicato su porcupine-musings.org l’11 settembre 2013. Traduzione di Enrico Sanna.]

Nonostante siano una nazione che dice di essere cristiana, fondata presumibilmente su valori cristiani, gli Stati Uniti hanno una storia di bellicosità completamente incompatibile con il messaggio cristiano, che ordina di amare il nemico e porgere l’altra guancia. Per quanto sia stato facile per la maggioranza di noi rimanere impigliati nel fervore patriottico che portava a vendicare l’attentato dell’undici settembre, quella risposta non era affatto cristiana. Non solo Gesù dice che bisogna porgere l’altra guancia, ma anche che bisogna amare quelli che danno lo schiaffo. È molto arduo per chiunque accettare questo messaggio. Ma se sei cristiano non ci sono incertezze. E se occorre onorare il precetto a livello individuale, lo stesso vale a livello collettivo. Ci vuole un bel po’ di dissonanza cognitiva per credere che un uomo non può uccidere un altro uomo ma che cento uomini che agiscono all’unisono sono giustificati se uccidono altri cento uomini. La guerra è semplicemente l’azione collettiva di singoli individui. Se è sbagliato che un individuo uccida allora è sbagliato anche che una collettività di uomini uccida. Se il singolo individuo deve amare il suo nemico allora anche una collettività di uomini deve amare il proprio nemico. Se sei cristiano e credi che gli Stati Uniti siano giustificati nel muovere guerra contro la Siria allora hai bisogno di riesaminare il tuo credo. Non puoi credere nella divinità di Gesù e allo stesso tempo scegliere quale comandamento rispettare e quale no.

Ora, dopo aver rimproverato i cristiani a favore della guerra non pensiate che i non cristiani se la possano cavare facilmente. Anche se non accetti la divinità di Gesù, questo suo ordine particolare, di amare il proprio nemico, contiene una lezione essenziale che è teologicamente neutra. Qual’è il messaggio? Che per spezzare il ciclo della violenza occorre che qualcuno agisca e lo spezzi per primo. Qualcuno deve venire avanti e dire: “Sono stato offeso ma mi rifiuto di rispondere a tono.” La capacità di prendere consciamente la decisione di comportarsi contro ogni istinto contenuto nel nostro essere è una delle caratteristiche che contraddistinguono l’umanità. “Lo spirito al di sopra della materia” è ciò che ci separa dal mondo animale guidato dall’istinto. Un cane morso rende il morso: non conosce altra risposta. Due cani che entrano in questo ciclo continuano finché entrambi sono quasi distrutti o finché uno di loro muore. Siamo animali irrazionali incapaci di elevarci al di sopra dell’istintivo occhio per occhio? Oppure siamo intellettualmente superiori al nostro nemico così che solo noi siamo in grado di riconoscere la giostra in cui siamo e capire che l’unico modo per scenderne consiste semplicemente nel saltare giù e dire “basta”?

Così il messaggio di Gesù, che ci sprona ad “amare il nemico” e “porgere l’altra guancia”, non è tanto un comandamento quanto uno strumento. Con questo strumento possiamo fermare il ciclo della violenza e finalmente portare la vera pace nel mondo. Una pace basata sul rispetto reciproco e la comprensione. Una pace così è preferibile alla pace globale attualmente proposta da quelli che comandano nell’Impero Unito Americano: la “pace” che esiste tra i bene armati guardiani della prigione e i loro prigionieri.

Annunci

Scrivi un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...