Walter Williams sulle Armi in America


[Di Walter Williams. Questo stralcio è estratto da un articolo pubblicato su lewrockwell.com il primo ottobre 2013. Traduzione di Enrico Sanna.]

Cataloghi e riviste degli anni quaranta, cinquanta e sessanta erano pieni di pubblicità di armi da fuoco diretta a genitori e figli. La National Shooting Sports Foundation, ad esempio, pubblicò “Quello che Ogni Genitore Dovrebbe Sapere Quando un Ragazzo o una Ragazza Vuole un Arma”. Il catalogo di vendita per corrispondenza Sears del 1902 aveva 35 pagine di pubblicità di armi. La gente mandava i soldi e l’arma arrivava per posta. Per gran parte della nostra storia, una persona poteva semplicemente entrare in un negozio di ferramenta, presente virtualmente ovunque, e comprare un’arma da fuoco. Erano pochi gli stati che si prendevano il disturbo di imporre restrizioni basate sull’età.

Questo e altri fatti storici dovrebbero costringerci a chiederci: Perché, in un momento della nostra storia in cui un’arma era immediatamente disponibile; quando bastava entrare in un negozio o ordinare un’arma per posta; quando l’FBI non andava a controllare i precedenti di chi voleva comprare un’arma; quando non c’erano né liste d’attesa né licenze; perché allora la violenza delle armi era meno frequente di oggi, con tutte le restrizioni poste all’accesso alle armi? Le armi sono armi. Se avessero la capacità di comportarsi in un certo modo, come sostiene qualcuno, avrebbero fatto allora quello che fanno oggi.

Costumi, tradizioni, valori morali e regole civili, non semplicemente leggi e regolamenti governativi, non restrizioni imposte ad oggetti inanimati, è ciò che dà vita ad una società civile.

Queste norme di comportamento, trasmesse oralmente e tramite gli insegnamenti religiosi, rappresentano un fondo di saggezza distillato da generazioni di esperienza, errori e relativi insegnamenti, e attenzione per ciò che funziona. Il beneficio che si ricava dai costumi, le tradizioni, i valori morali come regola di comportamento, è che le persone si comportano civilmente anche se nessuno li sta osservando. In altre parole, la prima linea di difesa della società contro il comportamento incivile è la moralità.

Annunci

Scrivi un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...