Le Élite Vogliono la Guerra


Obama, loro uomo di punta, spinge duro

[Di Michael Noonan. Estratto da Elites Want War, pubblicato il 3 maggio 2014 su Market Oracle. Traduzione di Enrico Sanna.]

Oro

Il modus operandi delle élite consiste nel creare caos, preferibilmente sotto forma (a loro conveniente) di guerra. L’intento è di creare grossi grattacapi ai governi e alle popolazioni. Quindi arrivano le “soluzioni” per far cessare il caos. Immancabilmente, le soluzioni vanno a favore delle élite, che aumentano il proprio potere in cambio del salvataggio.

Perché la guerra? Un semplice diversivo per coprire l’insolvenza totale di tutto il sistema bancario occidentale e il fallimento della moneta di carta. L’unica soluzione è la distruzione del mondo finanziario e il danneggiamento serio della vita economica, soprattutto negli impreparati Stati Uniti. Un’anticipazione di quello che aspetta gli Stati Uniti si può vedere in Grecia, Cipro, Irlanda, Venezuela, Argentina. E la lista si allunga.

Esiste un solo capo di stato che spinge per la guerra contro la Russia usando l’Ucraina come pedina, ed è l’uomo di punta dell’élite, Barack Obama. Cosa ne caviamo se andiamo a scatenare il caos in quelle parti del mondo? Detto semplicemente, nulla. Eppure lui guida la carica.

Sono i cittadini americani a spingerlo? No. È l’Europa che fa affari per miliardi di dollari con la Russia, e dipende da questa per il 20-35% delle forniture di gas? Sono i singoli stati europei a spingerlo? No. Troppo rischioso. I capi di stato europei non vogliono pagare le conseguenze di altre sanzioni che alla fine potrebbero far male più all’Europa che alla Russia.

Questa settimana il cancelliere Angela Merkel era a Washington, a dare una parvenza di supporto a Obama, ma senza annunciarlo direttamente. Tra un anno la signora Merkel potrebbe dire auf wiedersehen al suo incarico. Se i tedeschi sono abbastanza sciocchi da permettere a Frau Merkel di decimare l’economia tedesca, mettendo a rischio centinaia di posti di lavoro e i contratti futuri tra le maggiori imprese tedesche e la Russia, allora, come già i docili americani, anche ai tedeschi non rimarrà che pestare la testa al muro.

Se gli stati europei si oppongono ad ulteriori sanzioni che alla fine colpiranno loro, Obama non ha altri aiuti, visto che appoggia un colpo di stato illegale, il rovesciamento di un governo eletto, e dà la colpa a Putin dicendo che non ha rispettato le regole. A dire il vero, a parteggiare per l’ipocrisia di Obama c’è qualcuno che non è stato eletto da nessuno, e che rappresenta solo se stesso: il fondo monetario internazionale. Il fondo monetario ha promesso 17 miliardi di dollari all’Ucraina in diverse tranche, con una postilla neanche tanto nascosta: L’Ucraina deve muovere guerra contro le forze filo-russe e prendere il potere dell’Ucraina orientale, o non vede i soldi!

A questo punto abbiamo il fondo monetario (Rothschild) che dice ad un paese di iniziare una guerra civile per prendere il potere dell’Ucraina orientale. Le élite funzionano così, e il nobel per la pace Barack Obama, loro uomo di punta, suona la carica esattamente come ha fatto in Egitto, Libia, Siria, Afganistan. Quella egiziana è stata una pura manovra politica. La Libia possiede soltanto petrolio. Prima dell’uccisione di Muammar Gheddafi aveva anche oro, che è stata la prima cosa che hanno saccheggiato, così come l’oro ucraino è stata la prima cosa a finire nelle mani dell’avida ladroneria occidentale. Ricordate che secondo gli interessi occidentali l’oro non ha alcuna utilità. Non nelle vostre mani, almeno. La Siria è importante per garantire l’accesso del gas naturale russo all’Europa, e gli Stati Uniti considerano ciò una minaccia ai petrodollari. L’Afganistan ha l’eroina che sostiene il mercato della droga della Cia ed è una grossa fonte di riciclaggio di denaro sporco per il cartello bancario dei Rothschild.

Ma l’Ucraina che c’entra? C’entra perché, dopo il fallito attacco contro la Siria, potrebbe essere proprio ciò che vuole l’élite. Perché è così importante attaccare e conquistare l’Ucraina orientale? Perché ha terre ricche che producono reddito, a differenza di quelle esauste dell’Ucraina occidentale. Senza questo reddito che viene dall’agricoltura dell’est, come fa l’Ucraina a ripagare il debito al fondo monetario?

E questo cosa c’entra con le quotazioni di oro e argento? Entrambe devono essere mantenute giù perché nessuno le veda come alternativa allo schema Ponzi mondiale, il sistema bancario occidentale dei Rothschild, corrotto e insolvente fino al midollo ma saldamente al comando di tutti i governi occidentali. I Brics hanno aperto una crepa che continua ad allargarsi e questa rimane la minaccia più credibile all’occidente.

Secondo le aspettative, sempre più compagnie europee dovrebbero allinearsi con la Russia e la Cina. In questo scenario, la Germania ha un ruolo chiave. L’allineamento con Obama potrebbe costare il posto alla Merkel. Tanto meglio.

Ora sembrava che gli eventi stessero già sortendo un effetto su oro e argento, ma l’ulteriore manipolazione “al ribasso” della settimana scorsa ha rinviato l’inevitabile. Da qui si capisce chiaramente la capacità di controllo che hanno le élite, che faranno tutto il necessario per mantenere il potere. Forse altre persone verranno “suicidate”. Altri banchieri di secondo piano faranno del loro meglio per sfidare la forza di gravità a varie altezze degli edifici.

Tra parentesi, suicidio è quando uno si toglie la propria vita. Dire che qualcuno è stato “suicidato” significa che il suicidio delle, finora, quattordici vittime, potrebbe aver ricevuto, diciamo così, una certa forma di assistenza esterna.

Un banchiere francese, di nome Lydia, è considerata la prima donna ad essere stata “suicidata” sfidando la forza di gravità e saltando verso la morte. Apparentemente, Sumana Sultana, una donna banchiere della Rupali Bank, è sfuggita all’attenzione quando si è appesa al ventilatore da soffitto in gennaio. Con lei, il numero dei banchieri improvvisamente “suicidati” sale a quindici.

È proprio delle élite creare problemi come quello ucraino, e/o di altre zone. Così la distrazione può essere sfruttata per impedire al popolo di concentrarsi sulla questione sbagliata. I fondamentali dell’oro e dell’argento non si riflettono sulle quotazioni per via degli sforzi fatti da Rothschild e simili, come abbiamo visto in questi ultimi mesi. Per il momento, oltre ad accumulare oro e argento fisico, che ora sono a livelli assurdamente bassi, tenete le polveri asciutte e, se entrate nel mercato cartaceo dei preziosi, agite a breve.

Annunci

Scrivi un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...