Bombardati e Mitragliati


Ex pilota della Lufthansa spiega che l’aereo di linea malese potrebbe essere stato prima bombardato e poi mitragliato da un caccia.

[Di Peter Haisenko. Originale pubblicato su paulcraigroberts.org il 4 settembre 2014 con il titolo Guest Column by Peter Haisenko. Traduzione di Enrico Sanna.]

malaysia_airline

Peter Haisenko è stato pilota della Lufthanse per trent’anni. In questo articolo illustra le sue conclusioni, secondo le quali l’aereo di linea malese abbattuto in Ucraina è stato prima colpito da un missile aria-aria, lanciato da un caccia ucraino, e poi mitragliato. Considerato che le autorità del controllo di volo ucraino si sono rifiutate di rendere pubbliche le comunicazioni con l’aereo, e che Washington si rifiuta di pubblicare le foto satellitari in suo possesso, dobbiamo formarci un’opinione basandoci sull’esperienza e sugli indizi disponibili. Questa opinione ha un valore superiore a quello delle dichiarazioni propagandistiche. Il fatto che Washington e/o Kiev si rifiutino di fornire informazioni fa intuire che la responsabilità dell’abbattimento appartiene a loro.

Le Prove

Sono passate sette settimane dall’abbattimento del volo MH 017 e ancora non abbiamo ricevuto i risultati delle inchieste ufficiali. Questa è una circostanza straordinaria ma in definitiva non sorprendente. Appena pochi giorni dopo l’incidente aereo è stato pubblicato un breve comunicato che diceva che stavolta i rottami non sarebbero stati raccolti per ricomporre l’aereo, come in un puzzle. Questa sarebbe stata la procedura normale se ci fosse stato un interesse serio a determinare le cause oggettive dell’incidente.

Solitamente, quando un aereo precipita al suolo, nel giro di ventiquattro ore legioni di esperti arrivano sulla scena per prendere nota in dettaglio di ogni cosa e cominciare a raccogliere i rottami. Primi fra tutti arrivano gli esperti della società costruttrice dell’aereo, in questo caso la Boeing, seguiti dal Consiglio Nazionale per la Sicurezza dei Trasporti e da specialisti ed esperti dei paesi coinvolti. Questi specialisti hanno il compito di esaminare, oltre alla scatola nera, anche i rottami. In condizioni normali, l’aereo viene ricostruito pezzo per pezzo al fine di determinare le cause dell’incidente.

Ma nel caso del volo MH 017 queste normali procedure non sono state seguite. Sul luogo non è comparso alcun rappresentante della Boeing. L’aereo non è stato ricostruito così da poter determinare le cause della sua distruzione. Le informazioni contenute nella scatola nera non sono state rivelate. Dunque dobbiamo arrivare ad una conclusione basandoci sulla nostra esperienza e sulle informazioni disponibili.

Le indagini sono ulteriormente impedite dalle autorità e dalla propaganda dei media occidentali secondo cui la Russia e i separatisti sono i responsabili. Questo giudizio di “colpevolezza” è il prodotto di insinuazioni e di ripetute accuse che non sono supportate dalle prove. Chi osa sfidare la versione “ufficiale” secondo cui l’aereo di linea è stato abbattuto da un missile lanciato da terra dai separatisti viene etichettato come “teorico del complotto”. In altre parole, persone che hanno esperienza sono screditate prima ancora che possano esprimersi.

L’occidente ha il controllo delle indagini e a quanto pare ha deciso di non indagare. Ma abbiamo due informazioni di importanza critica.

malaysia_airline_dettaglio

La prima è del rappresentante canadese della Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, che parla di fori di proiettile nella cabina di pilotaggio. Ci sono fotografie che mostrano chiaramente fori di proiettile disposti in modo da formare il disegno tipico delle mitragliate su entrambi i lati della cabina di pilotaggio.

La seconda informazione viene da un servizio del quotidiano malese New Straits Times, secondo cui analisti dell’intelligence sono arrivati alla conclusione che uno dei motori dell’aereo è stato colpito da un missile aria-aria a guida infrarossa. Noi sappiamo che c’erano caccia ucraini dotati di queste armi in prossimità dell’aereo di linea al momento del disastro.

malaysia_airline_dettaglio_2

Queste due informazioni supportano le mie conclusioni sull’accaduto, conclusioni basate sulla mia esperienza e sulle mie ricerche personali:

Un aereo ha lanciato un missile aria-aria che ha colpito il motore destro dell’aereo MH 017. Nella cabina i piloti potevano sentire soltanto un grosso colpo, seguito dall’allarme antincendio e dalla perdita di controllo del motore numero due. I piloti devono aver pensato ad un guasto al motore, non all’impatto di un missile.

L’impatto del missile avrebbe provocato forte e immediato calo della velocità. I piloti probabilmente hanno dovuto iniziare immediatamente le procedure di emergenza, e questo ha occupato interamente la loro attenzione.

Secondo le regole di procedura, i piloti dovevano spegnere il motore, isolarlo, e ridurre velocità e altitudine. Poi dovevano scegliere un luogo per l’atterraggio, puntare lì e informare i controllori di volo della situazione di emergenza al più presto possibile. In una situazione di emergenza, un capitano fa di tutto per salvare l’aereo, la propria vita e quella dei passeggeri.

Ha la cosiddetta “autorità d’emergenza” che lo autorizza a compiere azioni al di fuori del regolamento. L’aeroporto importante più vicino per un atterraggio d’emergenza era probabilmente quello di Kiev. Rostov, in Russia, era più vicino, ma per andare a Rostov i piloti avrebbero dovuto affrontare un cambio con il centro di controllo e l’attraversamento di un confine, e questo avrebbe significato ulteriore stress.

L’aereo ha dunque iniziato la manovra per invertire la rotta e tornare a Kiev e abbassarsi di quota. Immaginate cosa sarebbe accaduto se fosse atterrato a Kiev. Non sarebbe stato possibile nascondere che l’aereo era stato colpito da un missile aria-aria. Perciò bisognava evitare la procedura dell’atterraggio d’emergenza, non importa in quale aeroporto. E questo è stato ottenuto con la mitragliatrice.

Il fatto che un’indagine apparentemente sia stata ostacolata rappresenta una forte prova circostanziale del fatto che quello che ho scritto in questo articolo è vero.

Annunci

Scrivi un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...