Fallitalia


Siam fatti così

[Di Giorgio Franchi. Pubblicato su Opinione Franchi il 4 marzo 2015.]

vacanze-natale-83

Nella prima metà degli anni ’90 mi tolsi lo sfizio di andare a vedere un “cine-panettone” di Carlo Vanzina, uno di quelli che titolati “Vacanze di Natale” e qualcosa d’altro, non ricordo l’anno preciso. Un vero obbrobrio andato avanti dal 1983 al 2003 con il pienone; francamente non capivo il perché: i copioni erano praticamente identici anno dopo anno, ossia una serie di coppie casualmente si incontrano direttamente o indirettamente in una località vacanziera blasonata e danno il via ad una sfilza di corna reciproche condite con una comicità assolutamente demenziale. Quel Natale in sala è stato veramente sconfortante: ero attorniato da persone che ridevano per delle gag che al massimo avrebbero potuto interessare un minorato mentale di 10 anni, tutti ipnotizzati davanti allo schermo e guai ad alzarti se eri il malcapitato al centro della fila.

Carlo Vanzina è un ottimo regista che aveva capito subito come questo “format” fosse vincente perché in fondo l’italiota medio vedeva se stesso realizzato nei personaggi di questi film: infimo livello culturale, una manica di cornuti e cornute, cornificatori e cornificatrici, individui arricchitisi per la classica “botta di culo” perché tutto sommato incapaci/inabili, superficiali oltre ogni limite, totalmente deresponsabilizzati verso il prossimo, sostanzialmente pavidi nella loro ego infimo. In pratica l’evoluzione dei bamboccioni del ’68 che hanno intrapreso la strada dello yuppismo rampante invece della carriera pubblica, decisamente più sicura ma di scarso “colore”. Ripensando a quei momenti capisco il perché gli anarchici individualisti hanno tutto questo disprezzo per la massa, in fondo non è che abbiano tutti i torti.

Il “format” ha iniziato ad andare in crisi evidente nel 2002, anno di introduzione dell’euro, e nel 2003 è stato semplicemente snobbato dal pubblico. Attenzione non sono coincidenze! Nel 2002/2003 gli “ultimi” stolti (80% della popolazione) hanno capito che lo spirito degli anni ’80 era definitivamente tramontato, e lo hanno capito quando sono stati colpiti nel portafogli: nel giro di pochi mesi salari inchiodati e prezzi raddoppiati, quindi fine delle vacanze, fine dei sogni, fine dell’immaginario collettivo yuppistico. Gli stolti comunque sia rimangono sempre tali, sono chippati dal sistema quindi non hanno una precisa connotazione partitica o sensibilità politica: sono di “destra” o di “sinistra”, sono proletari o borghesi, sono polentoni e terroni; in comune hanno sicuramente l’italiotità, ma esistono loro omologhi in tutte le parti del mondo. L’occidente ha fatto scuola pare.

Destra e Sinistra dello Stolto

Matteo Salvini ora, M5S prima, Marine Le Pen in Francia, passando per Syriza in Grecia e Podemos in Spagna, ecco la carica degli yuppies mancati. Ossia quelli che vogliono disperatamente restare nel sistema pretendendo di cambiarlo, un po’ come la pulce che dice all’elefante di spostarsi, Quelli che pensano ancora che la delega politico in bianco alla donna/uomo della provvidenza di turno cambi realmente le cose. Quelli che pensano in fondo in fondo con la mentalità sovietoide modello stalinista della “quinta colonna”: c’è un sabotatore interno, ecco perché il sistema non funziona; quindi è colpa degli evasori, degli immigrati, dei massoni, dei rettiliani, ecc… Forse non hanno capito che il sistema da loro voluto e sostenuto, il sistema che li ha fatti sognare, in realtà è proprio così che funziona: si produce ricchezza creando povertà.

Molti sono consapevoli di ciò ma pensano che alla fine qualcosa succederà, che tutto si metterà a posto, mi ricordano molto gli ebrei che sapevano di andare a morire e neppure sulla soglia delle docce posticce accennavano ad una reazione.

Torniamo a Fallitalia

L’Italia è uno stato fallimentare, lo stato è una struttura di dominio che a ben vedere aderisce al popolo di riferimento: teocrazia in Arabia Saudita, stato messianico finto-laico in Israele, “democradura” in America Latina e stato fallimentarista in Italia. Fallitalia è tale perché gli italiani sono un popolo fallimentare, il popolo dei diritti e dei non-doveri ma che non ha nemmeno il coraggio di farli valere, in Fallitalia è meglio il privilegio delle caste. Se non sei parte di una casta sei un fuori-casta, un’ilota, un servo della gleba.

Il ministro fallimentarista dell’economia Padoan ha detto: «Sulla tenuta dei conti io continuo ad affermare che ci sarà. Noi stiamo esaminando con molto dettaglio tutte le voci di spesa, questo ci permetterà di disinnescare le clausole di salvaguardia e quindi di impedire che quegli aumenti di tasse, che scatterebbero ove non ci fossero i tagli di spesa, effettivamente si realizzino. Il compito è difficile, ma non sono preoccupato che non si possa raggiungere l’obiettivo». Bisognerebbe ricordare a Padoan e agli stolti che Fallitalia è all’undicesimo posto fra le 15 economie peggiori al mondo:

economie-peggiori

E con la pressione fiscale più alta sulle PMI che chiudono a decine ogni giorno lasciando in mezzo alla strada migliaia di famiglie. Imprese che MAI più ritorneranno, quindi è bene scordarsi per sempre i livelli occupazionali precedenti il 2008. Mi focalizzo sulle PMI in quanto rappresentano circa il 90% della forza manifatturiera di Fallitalia.

pmi_tasse

Ma la ripresa è arrivata! Almeno così rassicura Renzi. Eppure questo grafico dice altro:

pil-ex

Linea verde: PIL in discesa del 10% in 6 anni. Linea viola: debito pubblico che sale, e sale, e sale. Linea bianca: rendimento BTP che scende, quindi neppure gli investitori si fidano più tanto di Fallitalia.

Ma il discorso continua.

Annunci

Scrivi un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...