La Tecnologia Ucciderà la Riserva Frazionaria?


[Di Joseph T. Salerno. Originale pubblicato su lewrockwell.com il 2 marzo 2015 con il titolo Will Technology Render Fractional-Reserve Banks Obsolete? Traduzione di Enrico Sanna.]

bank

Immaginate di aver bisogno di un prestito in contanti per tirare avanti fino al prossimo stipendio, ma le banche non possono o non vogliono concedervelo. Andate ad una macchinetta molto simile ad un bancomat. Infilate la vostra fototessera, vi fate fotografare, quindi digitate il vostro numero di cellulare e la somma che vi occorre. Nel giro di quindici minuti ricevete un sms che vi dice che la vostra richiesta è stata accolta e vi invita a tornare alla macchinetta per ritirare il denaro.

Questa non è finanza fantascientifica ma una realtà a Mosca, dove si sta sperimentando una ventina di questi “bancomat del prestito” nelle stazioni ferroviarie e nei centri commerciali. Le macchinette appartengono alla SMS Finance, affiliata di 4finance Holding, di proprietà del miliardario paraplegico Oleg Boyko. Boyko è diventato ricco con le slot machine installate nei casinò russi prima che fossero bandite nel 2009.

Le macchinette danno fino a 15.000 rubli, circa 215 euro, da restituire entro venti giorni con un tasso del 2% giornaliero, il che significa il 730% su base annua. Quando arriva il momento di restituire il prestito, il cliente può servirsi di una banca, di un negozio di elettronica, di un servizio online, o di un sistema di pagamenti digitali. Il tasso di default di questi microprestiti è del 10%, ma il 55% dei pagamenti in ritardo viene saldato comunque. Presto le macchinette saranno sperimentate anche in Polonia e in Spagna.

Questo è solo uno dei vari esempi di innovazione tecnologica applicata alla finanza e adottata da imprenditori creativi per fornire intermediazione finanziaria fuori dal sistema bancario a riserva frazionaria agevolato dai politici e blindato dallo stato.

Un altro esempio di intermediazione finanziaria non bancaria è rappresentato dalla società specializzata in prestiti a piccole imprese OnDeck Capital. La OnDeck concede prestiti che vanno da 5.000 a 240.000 dollari, e per determinare l’affidabilità del richiedente utilizza algoritmi invece di personale esperto. Chi vuole ottenere un prestito fa la richiesta online e riceve la risposta da OnDeck nel giro di poche ore. Se il prestito viene approvato, la somma compare sul conto del richiedente entro un giorno, contro le due settimane impiegate dalle banche. Il tasso di default di OnDeck è del 5%, più o meno come quello dei prestiti bancari.

Tradizionalmente, le piccole imprese acquisivano il capitale necessario tramite anticipi in contante da scontare in futuro dalla carta di credito. Questi anticipi hanno un tasso annualizzato che va dal 70 al 120% e anche oltre. OnDeck presta a ristoranti, saloni di estetica, carrozzerie e altro, ad un tasso che solitamente non supera il 60% annualizzato. A dicembre 2014, una offerta pubblica iniziale di OnDeck ha raccolto 200 milioni di dollari vendendo azioni due dollari sopra il prezzo stimato, portando così il valore complessivo della società a 1 miliardo e 300 milioni.

Ora, considerato che la OnDeck acquisisce i propri fondi vendendo azioni e aprendo linee di credito presso hedge fund e banche, non è soggetta alle temute corse agli sportelli che rappresentano una minaccia continua per quegli istituti che prestano fondi dei depositanti creando così denaro dal nulla: le banche a riserva frazionaria.

Aggiunta: Se volete sapere di più su come la tecnologia ha “saltato a piè pari il settore bancario, rendendolo obsoleto come la candela”, leggete questo interessante articolo di Charles Hugh Smith.

Annunci

Scrivi un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...