Ai tempi dei tempi


Jacques Le Goff

La struttura della società urbana dipendeva in larga misura dalla circolazione e dall’impiego del denaro. È in questa prospettiva che si manifesta la diseguaglianza sociale, ai nostri occhi come a quelli degli uomini del secolo XIII, e che la ricchezza monetaria diventa in misura sempre maggiore indicatore e strumento di potere. Il Duecento fu il secolo del patriziato, cioè di un numero limitato di famiglie che detenevano una quota significativa di potere – un potere che sempre più coincideva con la ricchezza economica. Quest’ultima, a sua volta, traeva origine da tre fonti principali: una, tradizionale, consisteva nel possesso di terre in campagna e di case in città, la seconda veniva dal commercio e la terza derivava da privilegi e pratiche fiscali. I borghesi ricchi cercavano di eludere il pagamento delle imposte indirette, le aides. È stato calcolato che ad Amiens i 670 abitanti più agiati rappresentavano un quarto della popolazione, ma pagavano meno di un ottavo dell’aide sul vino. Il denaro entra di prepotenza nei trattati giuridici che si moltiplicano nel corso del secolo XIII, periodo in cui rinasce il diritto romano, trova una forma stabile il diritto canonico e viene messo per iscritto il diritto consuetudinario. Nel capitolo 1, «Sugli abitanti delle buone città», dei Costumi del contado di Clermont nel Beauvaisis, completato nel 1283 dal regio balivo Filippo di Beaumanoir, si legge: «Nelle città molti conflitti nascono a causa delle tasse, poiché avviene spesso che i ricchi che ne governano gli affari dichiarano meno di quello che dovrebbero per sé e per i parenti e tendono ad esentare gli altri ricchi allo scopo di essere a propria volta esentati; in tal modo tutte le imposte ricadono sulla massa dei poveri».

Jacques Le Goff, Lo sterco del diavolo

Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...