I Vostri Alleati, non i Miei

banvenuti rifugiati

Di Mila Ghorayeb. Originale pubblicato il 22 marzo 2018 con il titolo Your Allies, Not Mine. Traduzione di Enrico Sanna.

La destra accusa spesso accusa la sinistra di disfattismo di fronte al “fondamentalismo islamico”. Non è passato tanto da quando la destra accusava Obama di non usare mai le parole “fondamentalismo islamico” e “terrorismo islamico”. E si sa che dire che il “fondamentalismo islamico” è una delle principali minacce per gli americani ha il potere di attirare l’attenzione delle masse su chi cerca di farsi eleggere e su chi è già al potere. Ammesso che le preoccupazioni siano fondate, bisogna prima capire cosa è l’islamismo radicale. Quindi occorre capire qual’è la relazione tra la sinistra e l’Islam e se questa relazione favorisce l’Islamismo fondamentalista, che, come vedremo, è altra cosa rispetto all’Islam inteso come fede religiosa. Infine dobbiamo analizzare come nasce e si sviluppa l’estremismo islamico all’estero, e quali fattori lo alimentano. Come dimostrerò, l’atteggiamento isterico della destra riguardo il fondamentalismo islamico è, nella migliore delle ipotesi, ignorante; nella peggiore, è ipocrita e pericoloso.

Continua a leggere

Che Minchia ci Facciamo in Yemen?

[Di Sheldon Richman. Pubblicato su Center for a Stateless Society il 17 aprile 2015 con il titolo What the Hell Are We Doing in Yemen? Traduzione di Enrico Sanna.]

yemen

Questo articolo è stato scritto da Sheldon Richman e pubblicato sul suo blog Free Association il 16 aprile 2015.

Il governo degli Stati Uniti parte alla carica contro un’altra guerra civile in Medio Oriente. Quando continui a chiederti “Impareranno mai?”, la risposta più probabile è che chi prende le decisioni non ha alcun incentivo a fare altrimenti. Quello che sembra un fallimento potrebbe essere invece il risultato voluto. I pantani hanno i loro lati positivi (per le élite di governo) se le vittime americane sono poche.

L’amministrazione Obama sta aiutando l’Arabia Saudita a bombardare lo Yemen. Questo, unito all’embargo imposto dai sauditi, crea una catastrofe umanitaria nel paese più povero del Vicino Oriente. Muoiono i civili, e quel poco di infrastrutture che il paese aveva viene distrutto.

Continua a leggere