Capitalism is Dead

karma

Fonte: Il Tempio dell’ombra

Notizia di oggi è che il papa si è «dimesso» perché non è più in grado di «governare la Chiesa» (parole del portavoce della Santa Sede). A quanto pare lo Spirito Santo si è sbagliato su Ratzinger, o comunque è stato impreciso. In tanti abbiamo pensato che, per fare un altro papa, stavolta non c’è scappato il morto.

Continua a leggere

Annunci

Capitalismo e Cannoni

parigi67_cannoneP

Di Robert Kurz. Versione spagnola pubblicata su exit-online con il titolo Cañones y Capitalismo. Traduzione italiana di Enrico Sanna.

Della nascita dell’era moderna esistono molte versioni. Gli storici non sono d’accordo neanche sulle date. Per alcuni, la modernità è iniziata nei secoli XV e XVI con il cosiddetto Rinascimento (concetto inventato solo nel XIX secolo da Jules Michelet, come dimostrato dallo storico francese Lucien Febvre). Per altri la vera rottura, e il decollo della modernità, è avvenuta solo nel secolo XVIII, quando la filosofia illuminsta, la rivoluzione francese e l’inizio dell’industrializzazione scossero il mondo. Qualunque sia la data, su una cosa storici e filosofi moderni concordano: le conquiste positive sono quasi sempre alle origini della modernità.

Continua a leggere

Gli Schiavi Globali

dubai

Di Robert Kurz. Pubblicato su francosenia.blogspot.com il 15 aprile 2016 con il titolo Questione di tempo.

In che mondo viviamo? La risposta degli ideologhi è sempre la stessa: in un mondo fatto di economia di mercato e di democrazia, dove economia di mercato e democrazia non sono mai abbastanza. Quanto più, in quest’ordine mondiale, si accumulano le catastrofi, tanto più incisive, ad ogni nuova crisi, si fanno le richieste stereotipate, dettate dall’ignoranza asinina della coscienza ufficiale, per avere ancora “più economia di mercato” e “più democrazia”. Questi due concetti sono diventati una sorta di mantra che, a forza di essere ripetuto, si è diluito fino a diventare una cantilena senza senso.

Continua a leggere

Capitalismo di Stato

disboscamento

Di Robert Kurz. Fonte: blackblog francosenia del 4 maggio 2018. Articolo originale pubblicato su Folha de Sao Paulo il 28 settembre 2008.

La crisi, quale crisi?

Così, con questa domanda, non troppo tempo fa, gli ideologi liberali sia di destra che di sinistra mostravano di essere convinti dell’immortalità del capitalismo.

Continua a leggere

Scene Finali

polvere

Recensione di: La fine del capitalismo, dieci scenari, di Giordano Sivini, Asterios Editore.

Giordano Sivini, già professore di sociologia politica nella facoltà di economia dell’università della Calabria, pubblica con l’Editore Asterios La fine del capitalismo, dieci scenari. Vengono presentate le posizioni di studiosi che negli anni recenti hanno affrontato il problema, non di rado sostenendone l’inevitabilità. Si tratta di Arrighi, Wallerstein, Streeck, Harvey,Postone, Kurz, Gorz, Mason e Rifkin. Questa che segue è la Presentazione del libro.

Continua a leggere

Capitalismo Senza Fine?

salvadanaio

Inviato da cambiailmondo. Intervista a Anselm Jappe pubblicata su cambiailmondo.org il 9 febbraio 2016.

Nato e cresciuto in Germania Anselm Jappe ha studiato filosofia in Italia e in Francia. È autore di vari vari libri, tra cui: Guy Debord, Roma, Manifesto libri, 2013²; Les Aventures de la marchandise. Pour une nouvelle critique de la valeur, Éditions Denoël, 2003; Crédit à mort: la décomposition du capitalisme et ses critiques, Éditions Lignes, 2011; Contro il denaro, Milano, Mimesis, 2013; Uscire dall’economia. Un dialogo fra decrescita e critica del valore: letture della crisi e percorsi di liberazione, con Serge Latouche, Milano, Mimesis, 2014. Ha collaborato con le riviste tedesche “Krisis” e “Exit” (fondate da Robert Kurz), che sviluppano la “Critica del valore”.

Continua a leggere