Falsi Made in Usa e Bugie Made in Italy

guerra

Di Manlio Dinucci. Pubblicato su Rete Voltaire il 17 aprile 2018. Articolo originale pubblicato su Il Manifesto.

Per motivare la guerra del 2003, gli Usa accusarono l’Iraq di possedere armi di distruzione di massa: il segretario di stato Colin Powell presentò all’Onu una serie di «prove» risultate poi false, come ha dovuto ammettere lui stesso nel 2016.

Continua a leggere

Annunci

La Ue Impoverisce i Paesi già Poveri

elefante

Di Joseph Hackett. Originale pubblicato su Capx il 18 luglio 2017 con il titolo The Eu is Making Poor Countries Poorer. Traduzione di Enrico Sanna.

Nota mia: Ho tradotto gli ultimi due paragrafi pur trattandosi di una ridicola bugia e autocelebrazione (l’autore è un sostenitore attivo del Brexit). Dire che la Gran Bretagna, con o senza la Ue, con il terzo mondo sarà qualcosa di diverso dalla solita accozzaglia di pidocchiosi sfruttatori razzisti è roba da olimpiadi delle cazzate e l’autore farebbe bene a presentarsi e ritirare il primo, secondo e terzo premio. Nella sua filippica, però, dice cose interessanti della Ue. Bisogna sempre ascoltare il bue che dice cornuto all’asino. Adesso speriamo che qualche altro cazzone risponda per la Ue.

L’Unione Europea ama presentarsi come forza del bene, che genera aiuto e sviluppo tra le società più povere del mondo. Si vanta del suo programma di aiuti da 13 miliardi e si definisce “il donatore più generoso al mondo”. Crede davvero di essere più magnanima di Stati Uniti, Russia o Cina.

Continua a leggere

L’alba Razzista del Capitalismo

razzismo[4]

Di Peter James Hudson. Pubblicato sul Boston Review il 14/3/2016. Ripubblicato su francosenia.blogspot.it.

Dieci anni prima del suo assassinio avvenuto nel 1914 per mano di un nazionalista, il socialista francese Jean Jaurès aveva portato a termine un’opera storica che aveva cambiato radicalmente lo studio della rivoluzione francese. Laddove gli altri si erano focalizzati sulle dispute intorno alla politica e alle ideologie politiche, i quattro volumi della Storia socialista della Rivoluzione francese di Jaurés avevano come soggetto le trasformazioni apportate da un capitalismo emergente, mettendo in primo piano le sue irruzioni nell’economia francese. Facendo uso di una lente marxista, Jaurés sottolineava il conflitto fra l’Ancien Régime e la borghesia appena giunta al potere, e tirava fuori dagli archivi della rivoluzione le lotte dei contadini e dei lavoratori francesi.

Continua a leggere

Chi Perde di Più Dopo il Brexit?

[Di Tyler Durden. Originale pubblicato su ZeroHedge il 24 giugno 2016 con il titolo Who Are the Biggest Losers from Brexit? Traduzione di Enrico Sanna.]

Ieri avvertivamo che “la UE non è niente senza la Gran Bretagna”, e sembra che l’andamento dei mercati lo stia dimostrando. A venir fuori perdenti dalla decisione britannica di lasciare la UE sono in due: i miliardari britannici… e il resto dell’Europa.

Per prima cosa, il mercato azionario britannico oggi è calato di quasi il 3%. Una brutta giornata, non c’è dubbio. Ma guardate la catastrofe totale che si è scatenata in tutta l’Unione Europea…

Continua a leggere

I Cops Battono i Bobbies

[Di Shaun King. Originale pubblicato su DailyKos il primo aprile 2015 con il titolo American police killed more people in March (111) than the entire UK police have killed since 1900. Traduzione di Enrico Sanna.]

ferguson_protesta

Durante il solo mese scorso, in trentun giorni, la polizia americana ha ucciso più persone di quante non ne abbiano uccise i poliziotti inglesi in 115 anni, dal 1900 ad oggi.

Continua a leggere

La Bbc Sapeva dell’Undici Settembre?

Un inglese vince una causa contro la Bbc per aver nascosto la verità sull’undici settembre

[Di EV. Originale pubblicato su Anonymous il 10 marzo 2015 con il titolo Small 9/11 Truth Victory Unknown to Most Americans: UK Man Won Case against BBC for 9/11 Cover Up. Traduzione di Enrico Sanna.]

tony_rooke

Horsham, Gran Bretagna, 2013: Tony Rooke, con un atto di disobbedienza civile, si rifiutò allora di pagare le 130 sterline del canone televisivo sostenendo che la richiesta di pagamento violava la sezione 15 della legge sul terrorismo. L’accusa di Rooke era rivolta contro la Bbc, che [l’undici settembre 2001] riportò il collasso dell’edificio Wtc 7 con oltre venti minuti di anticipo sul fatto. La tesi di Rooke fu accolta dal giudice. Anche se non si trattava di un’inchiesta sui fatti dell’undici settembre, il riconoscimento delle azioni della Bbc in quel giorno può essere considerato una piccola vittoria… che è stata ignorata dai media tradizionali americani.

Continua a leggere