Intelligenza Artificiale e Capitale

giger-dune-treno

Di Tomasz Konicz. Originale pubblicato su Exit il 18 febbraio 2018 con il titolo Inteligência Artificial e Capital. Traduzione italiana pubblicata su francosenia.blogspot.it.

“Quel gioco lì arriva anche al secondo livello?” (Nick Land)

L’umanità, è pronta a servire devotamente i robot, che ben presto saranno fra noi? Questa domanda, che spesso appare nei prodotti-spazzatura dell’industria culturale, potrebbe ben presto diventare abbastanza reale, secondo quella che è l’opinione di molti critici della ricerca sull’Intelligenza Artificiale (AI). Nel caso che i robot volessero ancora governare l’umanità – e non decidessero di volersi liberare rapidamente di questi irritanti “sacchi di carne”, facendo uno spietato remake del film Terminator.

Continua a leggere

Annunci

Prism: le Moderne Chiudende di Internet

prigione2

[Di CrimethInc. Originale pubblicato su crimethinc.com il 10 giugno 2013 con il titolo Prism: The Internet as New Enclosure. Traduzione di Enrico Sanna.]

Forse vi è capitato di leggere di una recente scoperta, il programma Prism, utilizzato dalla National Security Agency per rastrellare dati usando Microsoft, Google, Facebook, Apple e altre grosse aziende che operano su internet.

Continua a leggere

La Tassa sulla Musica Gratis

toto_votantonio

[Di Jeremy Malcolm. Originale pubblicato il 15 maggio 2017 su EFF con il titolo Secret New European Copyright Proposal Spells Disaster for Free Culture. Traduzione di Enrico Sanna.]

L’EFF ha appreso di una nuova proposta di legge europea che apparentemente prende di mira i servizi di streaming online, ma che in realtà è un duro colpo ad autori e ammiratori. La proposta in sostanza vieta ai servizi di streaming online di diffondere materiale offerto su licenza gratuita, facendo fuori servizi come Jamendo, che ha sede a Lussemburgo e offre musica gratuitamente. La proposta impone anche barriere a chi vuole offrire gratis opere proprie tramite altre piattaforme di streaming.

Continua a leggere

Internet e la Morte dell’80/20

gente

[Di Kevin Laws. Originale pubblicato su SiliconIndia nel mese di novembre 2004 con il titolo The Internet and the Death of the 80/20. Traduzione di Enrico Sanna.]

La regola dell’80/20 è una regola generica che ogni startup dovrebbe conoscere. Risparmiare tempo, sforzo manageriale e denaro è diventato una seconda natura. Bisognerebbe puntare sempre sull’20% dello sforzo che dà l’80% dei benefici. Bisognerebbe sempre concentrarsi su quel 20% di prodotti e clienti che danno l’80% degli introiti. O no?

Continua a leggere

Internet Come Riforma: Vero Progresso?

piuma_che_scappa

[A cura dello staff di The Daily Bell. Originale pubblicato su The Daily Bell il 5 settembre 2016 con il titolo Internet Reformation: Has It Progressed? Traduzione di Enrico Sanna.]

La Gran Bretagna non lascerà mai l’Unione Europea perché il processo è troppo complicato, dice un accademico. Il suo commento ha spinto i parlamentari dell’Ukip a mettere in guardia la popolazione contro un Progetto Terrore “in azione”. ~ Breithart

Con Hillary Clinton che si candida con un programma autoritario, la Cina che censura il web e le guerre che si diffondono in tutto il mondo, sembrerebbe che internet non abbia mai sortito alcuna riforma.

Ma se uno pensa che un’informazione abbondante e spesso non censurabile significhi libertà, allora può certamente vedere in internet un fatto positivo.

Come abbiamo fatto notare tempo fa, la Riforma [luterana] fu in gran parte il risultato della stampa inventata da Gutenberg e dell’impatto che questa ebbe su una società che improvvisamente poteva condividere efficientemente informazioni scritte.

Continua a leggere

Storia di Due Dogane

[Di Philippe Gastonne. Originale pubblicato su The Daily Bell il 29 aprile 2015 con il titolo A Tale of Two Borders. Traduzione di Enrico Sanna.]

censura_internet

Da un articolo del New York Times:

Pechino – Quando due anni fa Li Nanyang arrivò in Cina proveniente da Hong Kong, portò con sé qualcosa ampiamente anticipato da molti storici e pensatori cinesi: alcune dozzine di copie delle memorie di suo padre. Li Rui, ex funzionario del partito comunista in pensione, raccontava nel libro, vista dall’interno e senza tanti giri di parole, la sua esperienza ai vertici.

Mentre la signora Li passava alla dogana dell’aeroporto, le autorità le sequestrarono il libro, un’esperienza condivisa da sempre più cinesi che tornano a casa.

Continua a leggere