Valle della Luna

La comunità autogestita e perseguitata dal potere

valleluna

Preso da anarchiaunicavia. Scritto il 23 luglio 2017 da La ciurma anemica.

La Valle della Luna si trova in una piccola penisola (Capo Testa) nell’estremo nord della Sardegna, ed è conosciuta dagli anni ’60 come punto di ritrovo degli “hippies”.

Il nome di questa valle è dato dalla particolare conformazione geologica del luogo, formato da sette valli divise tra loro da imponenti roccioni di granito.

Continua a leggere

Annunci

Prism: le Moderne Chiudende di Internet

prigione2

[Di CrimethInc. Originale pubblicato su crimethinc.com il 10 giugno 2013 con il titolo Prism: The Internet as New Enclosure. Traduzione di Enrico Sanna.]

Forse vi è capitato di leggere di una recente scoperta, il programma Prism, utilizzato dalla National Security Agency per rastrellare dati usando Microsoft, Google, Facebook, Apple e altre grosse aziende che operano su internet.

Continua a leggere

L’insostenibile Idiozia della Pseudo-anarchia

giger-image-12

[Di Gian Piero de Bellis. Pubblicato su poliarchy.org  nel mese di maggio 2010.]

A seguito del crollo degli stati “comunisti” dell’Europa orientale e attraverso la diffusione di Internet, la concezione anarchica ha ripreso a circolare, discretamente ma in maniera sempre più ampia. La cosa è estremamente positiva perché molti di noi non ne possono più dello stato, della sua soffocante invadenza e del suo colossale marciume.

Tuttavia, è proprio quando una concezione si espande che rischia di snaturarsi perché alcuni tra i nuovi venuti vi portano tutto il loro vecchio bagaglio fatto di miti duri a morire, pregiudizi incancreniti, contrapposizioni obsolete.

Continua a leggere

Il Collasso della Società

È quello che ha in serbo il 2014

[Di Paul Craig Roberts. Originale pubblicato su paulcraigroberts.org il primo gennaio 2014 con il titolo 2014 Will Bring More Social Collapse. Traduzione di Enrico Sanna.]

Il 2014 è qui. Per uno che si è laureato alla Georgia Tech nel 1961, una data che si poteva leggere anche a testa in giù, il ventunesimo secolo era un concetto da fantascienza associato al film di Stanley Kubrik del 1968, 2001: Odissea nello Spazio. Per noi, 1984 di George Orwell era in un futuro così distante che pensavamo che non ci saremmo mai arrivati. Oggi è trenta anni dietro le nostre spalle.

Ci siamo arrivati nel senso che intendeva Orwell? In termini di sorveglianza tecnologica, siamo molto oltre l’immaginazione di Orwell. In termini di irresponsabilità dello stato, noi popolo eccezionale e indispensabile viviamo nel 1984. Nella sua alternativa al discorso di Natale della regina, Edward Snowden ha arguito che una persona nata nel ventunesimo secolo non conoscerà mai la riservatezza. Per le nuove generazioni, la parola riservatezza indicherà qualcosa di mitico, come un unicorno.

Continua a leggere