Guasto è il Mondo

Tony Judt

Alessandro Visalli

Tony Judt era uno storico americano di origine britannica, tra i maggiori intellettuali di lingua inglese, specializzato in storia europea e professore a Cambridge, Oxford, Berkley e New York University. Nel 2008, quando aveva 60 anni, gli fu diagnosticata la SLA che lo portò alla morte dopo solo due anni. Nel suo ultimo anno di vita Judt, mentre era paralizzato dal collo in giù, con presumibile grande sforzo ed assoluta determinazione scrisse questo libro che va considerato dunque il suo lascito a noi che gli sopravviviamo.

Continua a leggere

Annunci

Un Potere che non Può

81tETagvG9L

Nicolas Martino

Pierre Clastres L’anarchia selvaggia Le società senza stato, senza fede, senza legge, senza re introduzione di Roberto Marchionatti, elèuthera (2103), pp. 116 € 12.00

«Si chiama Stato il più gelido di tutti i gelidi mostri. Esso è gelido anche quando mente; e questa menzogna gli striscia fuori di bocca: “Io, lo Stato, sono il popolo”». Questa la straordinaria intuizione di Nietzsche (Così parlo Zarathustra, 1885) cara a Pierre Clastres, l’antropologo francese erede libertario di Lévi-Strauss che ha rovesciato il paradigma della filosofia politica occidentale con una serie di innovative ricerche sul campo, tese a dimostrare come la coercizione politica e lo Stato non siano il fondamento inevitabile di ogni società umana.

Continua a leggere

Quaestio de Merdis

ed-hs

Il reddito di cittadinanza è una merda, liberiamoci dal lavoro

Di Eleonora Priori. Fonte: Nero, 7 febbraio 2019.

C’è stato un tempo nella preistoria della politica italiana – non più di dieci anni fa – in cui il dibattito sul reddito era relegato a una polverosa discussione tra intellettuali o a qualche sporadica e visionaria assemblea di movimento. Tuttavia, con l’ascesa del Movimento 5 Stelle nel panorama politico italiano, questo tema ha iniziato a imporsi prepotentemente nel dibattito pubblico fino ad affermarsi definitivamente nel lessico quotidiano della politica. Ma – perché c’è sempre un «ma» – lo ha fatto in una sua mutazione genetica piuttosto inedita: ovvero quella del reddito di cittadinanza, che, già a partire dalla definizione stessa, dimostra come l’impostazione pentastellata stravolga i termini del dibattito e il senso originale con cui questo strumento era stato progettato.

Continua a leggere

Primitivo Sarà Lei!

MOI19560140W00957-17A

Di Pierre Clastres. Estratto da: L’anarchia selvaggia. Le società senza stato, senza fede, senza legge, senza re, Milano, Elèuthera, 2013. Fonte: gabriellagiudici.it, 20 febbraio 2018.

Nel corso degli ultimi due decenni, l’etnologia ha conosciuto una brillante evoluzione grazie alla quale le società primitive sono sfuggite, se non al loro destino – la scomparsa – almeno all’esilio cui erano state condannate, all’interno del pensiero e dell’immaginario occidentali, da un esotismo di lunga data. L’ingenua convinzione che la civiltà europea fosse assolutamente superiore a qualunque altro sistema sociale è stata a poco a poco sostituita dal riconoscimento di un relativismo culturale che, rinunciando all’affermazione imperialista di una gerarchia di valori, ammette  ormai la coesistenza di differenze socioculturali, senza la pretesa di giudicarle. In altre parole, non si proietta più sulle società primitive lo sguardo curioso o divertito di un dilettante più o meno illuminato, più o  meno umanista, ma le si prendono in certo modo sul serio. Si tratta di capire fino a dove arriva questo prenderle sul serio.

Continua a leggere

Business as Usual

Rivoluzione industriale

L’assurdità del modo di produzione capitalista

Di Thomas Meyer. Fonte: obeco-online. Traduzione di Enrico Sanna.

Fa sempre piacere vedere come, nell’analisi del capitalismo in generale, e della crisi del 2007-08 in particolare, si arrivi a percepire la reale assurdità del capitalismo, e come a partire da questo dato si formuli una sua critica. Credo che questo sia il caso del libro di Paul Mattick Jr., scritto nel 2011 e tradotto in tedesco nel 2012: Business as Usual – The Economic Crisis and the Failure of Capitalism.

Continua a leggere

Ma la Signora Carmody no!

Di Kimagu (https://www.deviantart.com/kimagu/art/Steampunk-Zeppelin-465408557)

La Funzione degli Individui nel Capitalismo di Crisi

Di Joelton Nacimiento. Originale pubblicato su Baierle.me il 9 luglio 2018 con il titolo A função dos indivíduos no capitalismo de crise. Traduzione di Enrico Sanna. Immagine: Steampunk Zeppelin di Kimagu.

Brevi spunti da alcune opere di Stephen King

Nel romanzo breve di Stephen King La Nebbia tutto comincia con una violenta tempesta. Dopo la tempesta una strana nebbia avvolge una cittadina nell’entroterra del Maine, scenario preferito di tante storie di King. Un uomo va al supermercato con suo figlio mentre la moglie resta in casa. Padre e figlio, e gli altri clienti del supermercato, sono sorpresi dall’apparizione improvvisa di strane creature, mezzo insetti e mezzo mostri, apparentemente prodotti da un esperimento fallito in una vicina base militare. Decine di persone prigioniere in un supermercato ben fornito e circondato da creature orrende assetate di sangue umano: questa la trama del libro, diventato film nel 2007 con la regia di Frank Darabont.

Continua a leggere