Zingari e Homo Sacer

holocausto-cigano

Di Larissa Costa Murad. Fonte: arlindenor, 19 agosto 2015. Titolo originale: Homo Sacer e os Ciganos. Traduzione di Enrico Sanna.

Roswitha Scholz, Homo Sacer e os ciganos: o anticiganismo – reflexões sobre uma variante essencial e por isso esquecida do racismo moderno. Lisboa: Antígona, 2014.

Il libro Homo sacer e os ciganos: o anticiganismo – reflexöes sobre uma variante essencial e por isso esquecida do racismo moderno, di Roswitha Scholz, affronta l’importanza della critica della rappresentazione comune degli zingari (in quanto nemici del lavoro, sensuali, selvaggi) e offre un contributo alla critica del valore e del lavoro.

Continua a leggere

Annunci

Il Nullafacente e i Polli Arrosto

panta

Di Piero Cipriano. Originale pubblicato su Carmilla Online il 14 settembre 2018.

Mi sono immaginato uno che oggi ha trent’anni, nato in Italia verso la fine degli anni Ottanta mettiamo, quando quelli di prima ancora comandavano, con autorevolezza e carisma, diciamolo pure (allora sembravano tiranni ma non erano tiranni, non lo era Ghino di Tacco anche se il vignettista del quotidiano della Repubblica lo tratteggiava a torto con stivalone ducesco, non lo era don Ciriaco De Mita da Avellino che con lui si spartì la nazione, non era tiranno nonostante la parlata sofistica irpina dove sovente diceva “è vero e non è vero al dembo sdesso”) e dopo nato è sopravvissuto alle malattie esantematiche infantili e (senza spavento) è sopravvissuto pure ai vaccini che negli anni Continua a leggere

Due Pezzi sull’orrore e l’ignoranza

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v80), quality = 75

Di Massimo Marino. Fonte: Doppiozero, 2 agosto 2018. Immagine: Thioro, di Vincenzo Renda.

Non esistono porti franchi, ormai, alla polemica del pregiudizio, della paura, della mistificazione: del razzismo. Così come non esistono luoghi che possono esimersi dal prendere posizione contro l’odio, la discriminazione, la disumanità. Nel teatro, d’autunno, d’inverno, di primavera, d’estate, sempre di più abbiamo visto apparire coperte termiche, abbiamo sentito raccontare storie di migrazione, abbiamo ascoltato la lamentazione dei morti innocenti in mare. Due spettacoli di questa estate ci portano a tornare a meditare, a raccontare.

Continua a leggere

Londinesi, Danesi e Altri

his story

Di Zygmunt Bauman. Fonte: La Solitudine del Cittadino Globale.

Esiste una disposizione perfettamente intelligibile delle élite politiche a spostare e localizzare le cause di ansia più profonde – cioè l’esperienza dell’insicurezza esistenziale e dell’incertezza – nella preoccupazione generale per le minacce alla sicurezza personale (minacce già sottoposte a un’operazione analoga). Questo spostamento è politicamente (cioè elettoralmente) allettante, e ciò per una ragione pragmatica molto convincente.

Continua a leggere

Rom, Anatemi, Tweet e Paura

donna rom

Di Carmen Pellegrino e Anna Stefi. Pubblicato originariamente su Doppio Zero il 20 giugno 2018.

Non si sono oscurate d’improvviso le luci del cielo, né per le strade si sono levate barricate. La storia e lo sguardo retrospettivo consentono di vedere con chiarezza i fenomeni, stabiliscono gli inizi, il decorso, la durata. Rintracciano le radici. Forse dovremmo, con coraggio, provare a fare uno sforzo di immaginazione: proiettarci un poco più in là e guardare al nostro tempo.

Continua a leggere

Ma Dimmi Tu Questi Negri

madimmitu

Originale pubblicato su Casteddu Online il 17 agosto 2017.

“Ma dimmi tu questi negri”: facebook censura poeta cagliaritano. Ripetutamente il noto social network cancella la poesia di Andrea Ivaz Melis, poeta cagliaritano. Numerosi i tentativi di rilanciare la poesia da parte di tanti utenti. “Ho perso il conto”, scrive Melis nella propria pagina facebook, “tra prima e dopo la cancellazione una poesia che prova a contrastare il razzismo imperante ha girato molte migliaia di persone. E continua a farlo dopo una settimana.

Continua a leggere