Morte al Regno Bubbonico!

indianwarrior

Alessandro Visalli. Fonte: TempoFertile.

Vladimir Iliç Lenin, L’imperialismo fase suprema del capitalismo

Il libro di Lenin fu scritto tra la fine del 1915 e l’inizio del 1916 e pubblicato nel 1917. Siamo esattamente sull’orlo degli eventi che cambieranno il mondo. Da Berna, dove Lenin era in esilio in quell’anno straordinario assistette alla prima rivoluzione di febbraio[1], seguita il 7 novembre dalla rivoluzione di ottobre[2], che rovesciò il governo Kerenski.

Continua a leggere

O Burro o Cannoni

0001

Di Murray Bookchin. Estratto da State Capitalism in Russia, 1950. Traduzione di Enrico Sanna.

Se la crescita industriale della Russia ha qualche significato, si riferisce principalmente all’industria degli armamenti. E lo stesso si può dire di tutto il mondo capitalista. L’industria degli armamenti è oggi il lubrificante dell’intero sistema e cresce più della produzione di beni di consumo proprio perché è l’unico settore che può coesistere con il depauperamento dello stile di vita. Cannoni, carrarmati, aerei, armi di ogni genere sono un’esplosione di spreco.

Continua a leggere

I Governi Sono Ingannatori

tolstoj2

[Di Lev Tolstoj. Originale pubblicato su coaloalab.altervista.org. Traduzione di Roberto Coaloa.]

Il secolo e la sua fine non significano nel linguaggio evangelico il termine e l’inizio di un periodo di cento anni, ma la fine di una concezione della vita, di una credenza, di un mezzo di comunione tra gli uomini, e il principio di una nuova visione del vivere, di una nuova religione, di un nuovo strumento di comunione tra gli individui.

Continua a leggere

Incomprensioni sulla Russia

[Di Stanislav. Originale pubblicato su Mat Rodina il 9 marzo 2015 con il titolo Getting Russia Wrong All the Way to War. Traduzione di Enrico Sanna.]

city_climber

“Qualunque cultura autonoma e profondamente radicata, soprattutto quando è diffusa in una larga parte della superficie terrestre, costituisce un mondo a sé, pieno di misteri e sorprese per l’uomo occidentale. Dobbiamo includere in questa categoria, come minimo, la Cina, l’India, il mondo musulmano e l’Africa; sempre che questi ultimi due si possano considerare, approssimativamente, come mondi omogenei. Da mille anni la Russia appartiene a questa categoria, ma il pensiero occidentale commette sistematicamente l’errore di negarle un carattere autonomo. Per questo non l’ha mai capita, e ancora oggi non capisce la Russia della cattività comunista.” ~ Aleksandr Solženicyn, Harvard, 1978

I politici americani in particolare, e quelli europei in generale, sono i più creduloni e ignoranti quanto a conoscenze fuori dai loro confini. Per loro la Russia è un enigma avvolto in un mistero… ma solo perché nessuno ha mai cercato di capire i russi e il loro modo di vedere il mondo.

Continua a leggere

Gaza e la Guerra più Grande

[Di Giulietto Chiesa. Articolo originariamente pubblicato su Megachip il 21 luglio 2014.]

Latuff 2014

©Latuff 2014

Ci sono lettori che mi chiedono di pronunciarmi sulla tragedia di Gaza.

L’ho già fatto più volte nel corso di questa crisi.

Continua a leggere