Uscite d’emergenza

august-landmesser-almanya-1936.900x600

Intervista della rivista IHU Online a Anselm Jappe.

IHU Online: A partire dalla lettura dei Grundrisse, quali sono gli elementi fondamentali usati da Marx per la sua critica dell’economia politica?

Anselm Jappe: Marx ha scritto i Grundrisse nel 1857-1858, in pochi mesi, nel mezzo di una crisi economica che riteneva essere la crisi definitiva del capitalismo. Gli ci sono voluti altri dieci anni per sviluppare Il Capitale. Secondo certa ortodossia marxista, per la quale Il Capitale costituisce il punto di arrivo di tutta la riflessione di Marx, i Grundrisse non sono altro che uno schizzo, un imperfetto lavoro preparatorio, motivo per cui verranno pubblicati, a Mosca, solamente nel 1939. A partire dal 1968, i Grundrisse sono stati tradotti in inglese, francese, italiano e spagnolo e, nell’ambito della “nuova sinistra”, si affermava da allora che forse questo manoscritto contenesse una versione superiore della critica dell’economia politica, perché meno “scientista”, meno “economicista” e meno “dogmatica”.

Continua a leggere

Annunci

Una Rivoluzione Verde Decentrata

Pawel-Kuczynski2

Guida anarchica all’ambientalismo

Di Logan Marie Glitterbomb. Originale pubblicato su Center for a Stateless Society il 23 agosto 2018 con il titolo Decentralizing the Green Revolution: An Anarchist Guide to Environmentalism. Traduzione di Enrico Sanna.

Davanti al problema dei cambiamenti climatici o di altre forme di inquinamento, abbiamo solitamente due strade: da un lato l’individuo con il riciclaggio, le luci spente, la bicicletta, il televisore staccato quando è spento; dall’altro lo stato con la messa al bando delle cannucce di plastica, la carbon tax, gli investimenti pubblici. Proteggere l’ambiente prima che sia troppo tardi e senza l’intervento dello stato (oltre a come trattare il crimine e come fornire un’adeguata assistenza sanitaria) è una delle questioni che un anarchico si trova ad affrontare.

Continua a leggere

A Proposito di “Post-umano”

Hubert-Roestenburg-Celtic-Trees

Di Astro Calisi. Articolo pubblicato originariamente su sitosophia il 22 marzo 2016.

Un breve articolo di Stefano Rodotà apparso recentemente sulla rivista Micromega, riguardante gli inediti scenari etici e giuridici prospettati dall’applicazione delle nuove tecnologie al corpo umano, offre l’occasione per alcune considerazioni sul concetto di post-umano (o trans-umano).

Continua a leggere

Chi ha Paura della Biologia Sintetica?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Di Harry Bentham. Originale pubblicato su C4SS il 30 luglio 2018 con il titolo Seeing Through Synthetic Biology’s “Project Fear”. Traduzione di Enrico Sanna.

“Project Fear” (progetto paura, ndt), strategia usata in Gran Bretagna dalle forze contrarie alla Brexit, rappresentava il tentativo di salvare la situazione ricorrendo alla paura, a scenari catastrofici e alle peggiori profezie. È una tattica diffusa tra chi si oppone al cambiamento. A giugno scorso un’ondata di titoli minacciosi ha gettato un’ombra oscura su una branca nascente della scienza che potrebbe acquisire posizione centrale nella storia di questo secolo: la biologia sintetica.

Continua a leggere

Capitalismo Senza Fine?

salvadanaio

Inviato da cambiailmondo. Intervista a Anselm Jappe pubblicata su cambiailmondo.org il 9 febbraio 2016.

Nato e cresciuto in Germania Anselm Jappe ha studiato filosofia in Italia e in Francia. È autore di vari vari libri, tra cui: Guy Debord, Roma, Manifesto libri, 2013²; Les Aventures de la marchandise. Pour une nouvelle critique de la valeur, Éditions Denoël, 2003; Crédit à mort: la décomposition du capitalisme et ses critiques, Éditions Lignes, 2011; Contro il denaro, Milano, Mimesis, 2013; Uscire dall’economia. Un dialogo fra decrescita e critica del valore: letture della crisi e percorsi di liberazione, con Serge Latouche, Milano, Mimesis, 2014. Ha collaborato con le riviste tedesche “Krisis” e “Exit” (fondate da Robert Kurz), che sviluppano la “Critica del valore”.

Continua a leggere

Prospettive del Cambiamento Sociale

salvadanaio

Di Robert Kurz. Fonte: Exit Online. Pubblicato in Avis aux Naufragés (Avviso ai naufragati), Lignes, 2004. Traduzione di Ario Libert.

Per una coscienza dominata dal mercato universale, la percezione, in tutti i campi della vita, si riduce oramai a dei fenomeni congiunturali. Ciò che è vero oggi rischia di non esserlo più domani; ma che importa il contenuto quando non si tratta più che di «vendere» il più velocemente possibile. E questo vale per le teorie così come per le automobili o le cravatte. A questo stadio, l’idea di «cambiamento sociale» non ha fondamentalmente più alcun senso. Perché, affinché abbia un senso quest’ultimo deve fare riferimento a un’evoluzione nel tempo che potremmo definire attraverso l’analisi, dunque a una storia delle strutture sociali. La coscienza postmoderna, completamente conforme alle esigenze del mercato, non conosce più nessuna evoluzione storica, non conosce che il carattere indifferente di tendenze incoerenti. La teoria critica della società si vede sempre più sostituita dall’analisi delle tendenze (trend research).

Continua a leggere