All’erta Stiam!

cina_3

Di Armando Lancellotti. Fonte: Carmilla Online.

Da molte settimane ormai, da quando cioè l’epidemia di covid-19 è dilagata nel nostro Paese, una inarginabile retorica bellica si è impadronita del nostro linguaggio: risuona nelle ininterrotte trasmissioni televisive e negli editoriali della carta stampata; rimbomba nei messaggi alla nazione degli uomini politici e negli inviti al rispetto delle regole del distanziamento sociale e della quarantena di attori, cantanti e campioni sportivi; trabocca persino nelle più svariate pubblicità commerciali e nelle interminabili catene di messaggi che rimbalzano da un social all’altro. Insomma pare che l’Italia stia combattendo una guerra, con i suoi fronti, la prima linea, le retrovie, il fronte interno, l’economia di guerra e così via. Ma tutto questo è verosimile e credibile o si tratta di un fenomeno comunicativo e sociale che, al netto delle numerose mistificazioni, della guerra presenta in modo certo un solo aspetto, la propaganda?

Continua a leggere

Aerostati Evoluti

toto_votantonio

Di Francesco Maria Pezzulli. Fonte: Effimera.

Cara lettrice, caro lettore, rieccoci con un tema arduo, per il quale la cautela è d’obbligo, ma la domanda non può essere evasa: perché i meridionali hanno votato Salvini?

Continua a leggere

Anarcofobia e Spettacolo

show-business

Di Roderick Long. Originale pubblicato il 7 febbraio 2016 con il titolo “Arrow” and Anarchophobia. Traduzione di Enrico Sanna.

Negli spettacoli televisivi i personaggi anarchici sono rari (i “Sons of Anarchy” non fanno eccezione). Nella popolare serie televisiva “Arrow”, mandata in onda sulla rete CW e ispirata al personaggio dei fumetti Green Arrow della DC Comics, ha fatto la sua comparsa un nuovo personaggio, Lonnie Machin, caratterizzato esplicitamente come anarchico.

Continua a leggere

Media e Stato Corporativo

toto_votantonio

Di Kevin Carson. Originale pubblicato su Center for a Stateless Society il 2 aprile 2016 con il titolo The Media and the Corporate State. Traduzione di Enrico Sanna.

In un’intervista con Cenk Uygur del 23 marzo, Bernie Sanders diceva: “In questo paese, i media sono un’arma della classe di potere,” e proseguiva citando le concentrazioni industriali (ad esempio, la Disney che possiede la ABC, Comcast la NBC eccetera). I media a proprietà aziendale hanno un interesse personale a riportare le notizie in modo da nascondere la causa profonda dei problemi. Altrimenti la struttura di potere verrebbe minacciata alla base. Sanders ha indubbiamente ragione. E non è una situazione accidentale: alle sue origini c’è il ruolo centrale dello stato.

Continua a leggere

Ho Visto la Tivù

Come ho triplicato la densità neuronale in poche ore

Qualche giorno fa ho visto la tivù per la prima volta. Voi direte: e che, è una novità? Sì. Il fatto è che quando avevo tre anni, età in cui si viene iniziati a questa pratica, ero troppo impegnato a grattugiare le ginocchia sull’asfalto. Era una tradizione del vicinato. Volevate forse che diventassi un paria? Tutti avevamo il distintivo rosso sul ginocchio. Era un simbolo della nostra identità. Una volta un mio amico prese un ontano con la bicicletta e gli venne una noce sulla fronte. Fu promosso colonnello sul campo.

Continua a leggere